Buon anno ai buoni propositi!

Con l’anno nuovo iniziano i buoni propositi. Vogliamo o non vogliamo cambiare per questo anno nuovo? Possiamo e non possiamo al tempo stesso. Siamo  paradossali, sempre tirati da una parte che vuole e l’altra che rimanda. Quest’ultima, la conosciamo bene, è quella che spera di cambiare pur rimanendo nelle vecchie abitudini.

Queste situazioni di tensione tra una parte e l’altra di noi stessi ci porta allo stallo e si continua lo “status quo”. L’insoddisfazione di non poter arrivare ad una conclusione in qualcosa ci butta giù oppure invece ci fa fare mille cose in contemporanea. Ci riempiamo la giornata di tanti impegni per dimenticare di non aver fatto le cose essenziali.

In questi giorni dell’anno nuovo credo che sia importante pendere il tempo di scendere al centro di noi stessi per rimanere in ascolto. Ma come portarci al centro? Cosa devo ascoltare? Sono al centro di me stesso quando sono in grado di percepire quello che mi crea solitamente confusione o insofferenza. Quando sono capace di essere testimone di me stesso. Essere al centro del nostro petto vuol dire sentire lì il Divino verso il quale voglio tendere. Allora posso mettermi in ascolto per ritornare a dialogare con la parte più alta di me. Osservare lentamente il gioco dei miei pensieri perché non sono più identificato con loro e prendere le decisioni giuste. Questo mi sembra il miglior augurio per questo nuovo anno 2018.

Angie e Bernard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

2 commenti su “Buon anno ai buoni propositi!”